BookCityMilano la presentazione di Arabesque con Alessia Gazzola e Lino Guanciale

BookCityMilano la presentazione di Arabesque con Alessia Gazzola e Lino Guanciale

Domenica 19 novembre 2017, nell’ambito della manifestazione “BookCityMilano”, Lino Guanciale è stato ospite della presentazione dell’ultima opera di Alessia Gazzola,  intitolata “Arabesque”, edita Longanesi.

Il Salone d’Onore della Triennale era gremito di persone che desideravano ascoltare l’autrice descrivere il contenuto del suo nuovo romanzo nonché sapere le anticipazioni sulla trama della fiction di Raiuno “L’Allieva”  che verrà trasmessa, presumibilmente, nell’autunno del 2018 e che nasce proprio dai racconti della Gazzola.

La scrittrice ha spiegato che la sua Alice, pur essendo cresciuta professionalmente passando dall’essere una specializzanda a essere una specialista in medicina legale, ha mantenuto quelle caratteristiche che tanto piacciono ai lettori e che la rendono così interessante ed empatica. E’, infatti, rimasta una “pasticciona” approssimativa, insofferente alle regole dettate dai suoi superiori, e sempre troppo sensibile verso le vicende di vita dei cadaveri da esaminare.

Anche la storia d’amore, ovvero quello che tutti vorremo che diventasse, con il Dott. Claudio Conforti tenta di decollare verso qualcosa di serio ma è ostacolata delle vicissitudini della quotidianità nonché dal carattere antipatico, cinico, maleducato, respingente ma anche estremamente affascinate del protagonista maschile, interpretato magistralmente dal nostro Lino.

Molto divertenti i racconti di vita sul set.

L’autrice ha ironicamete lamentato “l’intraprendenza” degli attori che talvolta hanno modificato le battute per renderle più accattivanti e caratterizzanti dei personaggi, esprimendo tutta la sua stima per gli interpreti che hanno saputo rendere irresistibili i protagonisti delle storie. Molto apprezzati anche Francesca Agostini (Lara) ed Emmanuele Aita (Paolone), presenti in sala accanto a Lino, entrambi esempio di come due personaggi, l’una poco presente nei racconti e l’altro completamente assente, siano diventati, grazie alla fiction e all’accattivante e irresistibile interpretazione degli attori, dei necessari protagonisti del romanzo.

E’ stata, infine, ricordata la “irreprensibile” dottoressa consulente medica della fiction che, pare, desiderasse maggiore professionalità scientifica sul set anche attraverso la misurazione per via rettale della temperature dei finti cadaveri!  Solo il fascino di Lino ha potuto sciogliere tanta irreprensibilità!

Di seguito un video nel quale CC legge un capitolo del libro “Arabesque”.

 

 

Reportage fotografico dell’incontro.

L'arrivo di Lino

Francesca Agostini

Alessia Gazzola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *