La borsa, piccolo diario dell’anima

La borsa, piccolo diario dell’anima

Alcuni sostengono che il contenuto di una borsa e il modo di portarla, sveli molto in merito alla personalità di un individuo, tuttavia anche il modello, le dimensioni, il colore o se sia essa di marca, in pelle o tessuto, sono altre caratteristiche  che conferiscono a questo oggetto di uso  pratico, un  valore estetico.

Lino, per ciò che attiene ai suoi impegni di lavoro, deve spostarsi rapidamente e tutto, o parte del suo essere e della sua vita, dev’essere racchiuso in una o più borse che diventano estensione del corpo e immagine di esso.

Ecco pertanto un excursus perfettibile, circa le varie tipologie di borse e borsoni sfoggiati sin’ ora:

 

Appuntamento nella metropoli tentacolare:

sulla spalla destra ha una tracolla in pelle nera con risvolto e la shopping-bag in tessuto nero con stampa in rilievo “ton sur ton”; sulla spalla sinistra una borsa austera tipo manageriale di colore nero, divisa in diversi settori, con zip, in tessuto rigorosamente waterproof e riporti in pelle nera. Lino sembra abbia sancito il nero come colore ricercato e versatile adatto ad ogni occasione. Da grande esperto ha  distribuito sapientemente il peso della cultura e non, su entrambe le spalle.

Sul set:

Da un’attenta analisi si può evincere che sia Enrico Vinci che Claudio Conforti si avvalgono di una confortevole valigetta porta documenti in pelle nera, oggetto di scena imprescindibilmente irrinunciabile atto a delineare le caratteristiche del personaggio.

Per la serie quando lo sport incontra l’eleganza:

Ed ora è la volta del blu, in abbinamento  ad un outifit sportivo sui toni dell’azzurro scuro, Lino accosta  una borsa in tessuto tecnologico e quando si fa sera,  i profili bianchi diventano fosforescenti,  in maniera tale da poter essere sempre individuato ed individuabile dalle sue molteplici fans .

E per finire…………. tac, un “mast”

autunno/inverno – primavera/estate, dai toni spiccatamente sopra le righe e con un DNA leggermente femminile, in pelle nera satinata e fibbie fetish, ecco la borsa radical- chic,  finto simil Hermès osata da Lino in occasione di alcuni appuntamenti lavorativi, sdoganata  sia in  abbinamento al giubbino in pelle che al trench in lana  di tendenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *