In viaggio verso Itaca

Un viaggio che parte da Itaca e dalla figura di Ulisse, che è l’eroe di Omero e che Dante colloca nel 26° canto dell’Inferno, passando per Pascoli, D’Annunzio, Joyce, Totò e Carlo Emilio Gadda, Ennio Flaiano e di altri ancora. Lino con grande ironia racconta le storie di vari personaggi in una sorta di fusione e scambio di emozioni tra queste ed il suo vissuto personale, immagini e ricordi tratti dalla sua infanzia e adolescenza. Non è affatto da sottovalutare la preziosa collaborazione del regista e compositore Davide Cavuti, che con maestria lo accompagna con la fisarmonica, con sonorità sorprendentemente raffinate, la performance resta sempre di alto livello evitando il rischio di scadere in semplici note folcloristiche. I luoghi del racconto non sono mai astratti, sono metafora degli approdi di Ulisse e degli approdi di Lino nei momenti in cui lo spettacolo passa da oggettivo a soggettivo, con un unico denominatore comune che è il mare, padrone di ogni avventura e sventura vista eccezionalmente con gli occhi del semplice marinaio e non di Ulisse. Infine il ritorno a Itaca, da dove tutto è cominciato, lo spettacolo diventa teatro-canzone in un finale ricco di emozioni vissute in maniera corale e il pubblico di Lino ad impersonare i popoli che Ulisse ha conosciuto e le terre che ha esplorato .

ITACA per Lino Guanciale
E’ un viaggio poetico in nome dell’isola del racconto poetico per eccellenza, approdo e partenza del viaggio di Ulisse. Un richiamo omerico che serve a evocare l’idea di itinerario fatto per immagini. Mette insieme mondi più o meno distanti, autori classici e meno. E’ un viaggio in una personale biblioteca che decido di condividere con chi ci sarà. Con l’auspicio che a tutti venga voglia di fare la loro Itaca  
ITACA si Kostantinos Kavafis
La poesia Itaca, scritta nel 1911 da Konstantinos  Kavafis si pone come come metafora della vita di qualsiasi uomo, dove non è tanto la meta quella che conta, ma il viaggio che ogni uomo copie per raggiungerla. Per Kavafis si tratta di un lungo viaggio, che ci offre la possibilità di esplorare il mondo, per arricchirci con molteplici conoscenze ed esperienze. Un viaggio che non sarà privo di difficoltà ed ostacoli, ma che ci condurrà alla meta più maturi e consci di aver valorizzato al meglio la nostra esistenza.   ITACA di Kostantinos Kavafis Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze. I Lestrigoni e i Ciclopi o la furia di Nettuno non temere, non sara` questo il genere di incontri se il pensiero resta alto e un sentimento fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo. In Ciclopi e Lestrigoni, no certo, ne’ nell’irato Nettuno incapperai se non li porti dentro se l’anima non te li mette contro. Devi augurarti che la strada sia lunga. Che i mattini d’estate siano tanti quando nei porti – finalmente e con che gioia – toccherai terra tu per la prima volta: negli empori fenici indugia e acquista madreperle coralli ebano e ambre tutta merce fina, anche profumi penetranti d’ogni sorta; piu’ profumi inebrianti che puoi, va in molte citta` egizie impara una quantità di cose dai dotti. Sempre devi avere in mente Itaca – raggiungerla sia il pensiero costante. Soprattutto, non affrettare il viaggio; fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio metta piede sull’isola, tu, ricco dei tesori accumulati per strada senza aspettarti ricchezze da Itaca. Itaca ti ha dato il bel viaggio, senza di lei mai ti saresti messo sulla strada: che cos’altro ti aspetti? E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso. Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso gia` tu avrai capito cio` che Itaca vuole significare.      
ITACA di Lucio Dalla
Questa bellissima canzone di Lucio Dalla, che fa riferimento al viaggio di Ulisse, porta alla luce il punto di vista di un marinaio, che chiede al suo valoroso capitano, se si preoccupa mai delle delle sofferenze di tutti coloro che lo seguono in quest’avventura. Pur esprimendo la propria malinconia per la lontananza da casa e dalla patria, si trova a seguire con ardore le avventure che il suo capitano si appresta a fare. E così il nostro viaggio verso Itaca lo facciamo anche noi attraverso questi una raccolta di video che in qualche modo rendono omaggio a Lucio Dalla e alla sua poesia. Capitano, che hai negli occhi il tuo nobile destino  Pensi mai al marinaio a cui manca pane e vino  Capitano, che hai trovato principesse in ogni porto  Pensi mai al rematore che sua moglie crede morto  Itaca Itaca Itaca  La mia casa ce l’ ho  Solo là  Itaca Itaca Itaca  E a casa io voglio tornare  Dal mare, dal mare, dal mare  Capitano, le tue colpe pago anch’io con i giorni miei  Mentre il mio più gran peccato fa sorridere gli dei…  E se muori è un re che muore  La tua casa avrà un erede  Quando io non torno a casa entran dentro fame e sete  Itaca Itaca Itaca  E a casa io voglio tornare  Dal mare, dal mare, dal mare  Capitano, che risolvi con l’astuzia ogni avventura  Ti ricordi di un soldato che ogni volta ha più paura  Ma anche la paura in fondo mi dà sempre un gusto strano  Se ci fosse ancora mondo, sono pronto, dove andiamo?  

Video integrale dello spettacolo di Lino Guanciale al Teatro dei Marsi per finanziare il Parco dei Sorrisi.